domenica 31 luglio 2011

Gli scavi confermano: Colosseo, Ikea del Medioevo

Gli scavi confermano: Colosseo, Ikea del Medioevo
Corriere della Sera – Roma 23/7/2011

Case, botteghe, stalle, magazzini, cantine: questo era il Colosseo nel Medioevo. Una sorta di centro commerciale con residence incorporato. Lo hanno confermato i nuovi scavi realizzati dalla Soprintendenza per i Beni archeologici in collaborazione con Roma

Non solo arena dei gladiatori. Nel Medioevo il Colosseo era una sorta di residence abitato da famiglie, trasformato poi in centro commerciale, con tanto di magazzini, botteghe e laboratori per il vino. A testimoniare un passato, per molti insospettabile del monumento più famoso al mondo, sono gli scavi realizzati dalla Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma congiuntamente con l'Università di Roma 3, cui hanno lavorato per sei settimane giovanissimi archeologi freschi di laurea. La scoperta è arrivata nel decimo cuneo del primo ordine dell' area meridionale del Colosseo dove gli scavi hanno riportato alla luce un focolare, muri e una porzione di piano calpestabile risalente al XII secolo, quasi sicuramente appartenenti a un'abitazione. Tutt'intorno, gli scavi che sono scesi fino a un metro di profondità, hanno restituito decine di resti dei pasti consumati secoli fa. «Dobbiamo ancora indagare, ma probabilmente questo cuneo era come un corridoio sul quale si affacciavano dimore e taberne, con botteghe, stalle e magazzini - spiega il professor Riccardo Santangeli Valenzani della cattedra di Archeologia urbana - Non è escluso che anche altri cunei abbiano avuto lo stesso destino». Che il Colosseo fosse luogo tanto attivo e affollato nel Medioevo, in verità, lo raccontavano già le carte dell'Archivio della Chiesa di Santa Maria Nova, nel X secolo proprietaria del monumento i cui locali affittava a terzi. Ma ora i ritrovamenti, dice Valenzani, «chiariscono per la prima volta la natura degli insediamenti». Due grandi fosse laterali poi «offrono una cronologia più precisa della fasi di spoliazione dell'anfiteatro che sappiamo iniziata nel VI secolo e di cui ora vediamo i segni nel XII». Piccole come una moneta di un euro, dalla terra del cuneo 3 sono invece spuntate due medagliette devozionali relative a un anno giubilare, una con San Pietro e Paolo e l'altra con l'apertura della scala santa. Piccole, ma preziosissime, perché testimoniano l'inizio della tradizione del Colosseo come stazione della via Crucis, venuta meno con l'unità d'Italia L'area sarà ora coperta con tessuto-non tessuto e insieme ai reperti, assicura la direttrice del Colosseo Rossella Rea, «entrerà a far parte del percorso espositivo del monumento».

Nessun commento: