martedì 10 marzo 2009

Laguna, trovata la tomba di una «donna vampiro»

Laguna, trovata la tomba di una «donna vampiro»
Corriere del Veneto - VICENZA - 2009-03-07

Ricercatori dell'università di Firenze

Trovati in un sito archeologico nella laguna di Venezia quelli che potrebbero essere considerati i primi resti documentati di una donna accusata di vampirismo. Il teschio della donna appare infatti «impalato ». I resti sono stati rinvenuti dal gruppo di Matteo Borrini dell'Università di Firenze.

Trovati in un sito archeologico nella laguna di Venezia quelli che potrebbero essere considerati i primi resti documentati di una «donna vampiro». Il teschio della donna appare infatti «impalato» con un piccolo mattone in bocca, secondo le «usanze» indotte dalle superstizioni dell'epoca, il Medioevo, cui risale il teschio. I resti sono stati rinvenuti dal gruppo di Matteo Borrini dell'Università di Firenze nell'isola del Lazzaretto Nuovo, un'area di grande interesse storico nella Laguna Nord di Venezia presso S. Erasmo che deve il suo nome al fatto che nel 1468 con decreto del Senato della Serenissima vi fu istituito un Lazzaretto con compiti di prevenzione dei contagi. Era detto «Novo» per distinguerlo dall'altro già esistente vicino al Lido, dove invece erano ricoverati i casi manifesti di peste. Quando la peste dilagava, ha spiegato l'esperto al meeting della American Academy of Forensic Sciences tenutosi a Denver, Colorado, «dilagava» anche la credenza che gli untori fossero donne vampiro. L'idea delle vampire veniva probabilmente dal fatto che spesso chi moriva di peste emetteva un rivolo di sangue dalla bocca, come i vampiri appunto. Inoltre secondo l'assurda leggenda le vampire «non-morte», sepolte a fianco dei cadaveri degli appestati, si nutrivano del sangue di questi ultimi per poi riuscire fuori dalla tomba e contagiare altre persone. Per «scongiurare» il contagio coloro che erano addetti alla «sepoltura» dei cadaveri degli appestati inserivano quindi un oggetto nella bocca delle sospette donne vampire per impedire loro di mangiare. Ed è esattamente così che è stata ritrovata la vampira italiana, con un mattone in bocca che le ha frantumato tutti i denti.
C.R.

Nessun commento: