giovedì 12 marzo 2009

Vie Cave, operazione salvataggio: di nuovo agibili le strade costruite dagli etruschi

Vie Cave, operazione salvataggio: di nuovo agibili le strade costruite dagli etruschi
GIOVEDÌ, 12 MARZO 2009 il tirreno - Grosseto

EMERGENZA MONUMENTI

Le Vie Cave di Sorano, Sovana e Pitigliano, le antiche strade etrusche realizzate scavandole nei massi tufacei, presto saranno di nuovo fruibili, infatti saranno messe al sicuro da frane e cedimenti strutturali.
E’ questa la novità scaturita dall’accordo tra il Comune di Sorano e i Vigili del fuoco di Grosseto che grazie alla loro tecnologia potranno ripristinare questa suggestiva rete viaria che già da tempo costituisce un’importante Area Archeologica insieme agli altri due comuni della zona.
«Le Vie Cave - dice il Sindaco di Sorano Pier Andrea Vanni - sono una peculiarità del nostro territorio, che però, a causa della loro fragilità in quanto scavate nel tufo, si trovano adesso in uno stato di degrado avanzato».
Una parte di esse, infatti, è ancora visitabile, mentre altre zone sono parzialmente visitabili o completamente interdette.
In tutto ci sono sei principali cavità, tre nel territorio di Sovana e tre in quello di Sorano e Pitigliano che però hanno bisogno di alcuni interventi; da qui è nato, quindi, l’accordo tra Comune e Vigili del fuoco per la loro messa in sicurezza, in quanto, spesso, queste strade sono soggette a frane, smottamenti e altri problemi di instabilità dovuti alla scarsa consistenza del tufo.
«Il primo passo da fare - spiega Francesco Notaro, comandante provinciale dei Vigili del fuoco - sarà quello di monitorare tutte le cave presenti per poi partire con lavori specifici a seconda dei casi da trattare».
«Visto che anche per noi questo tipo di lavoro rappresenta una novità - va avanti il Comandante Notaro - per gli interventi ci affideremo soprattutto al personale Saf (speleo alpino fluviale) che sarà in grado di svolgere questa particolare attività».
Per cominciare, quindi, verrà fatta una mappatura dei dissesti, successivamente il personale Saf si calerà con delle corde dai crinali ed infine verranno preparate delle schede tecniche in base alle quali poi, fare gli interventi veri e propri.
I lavori di monitoraggio inizieranno dalla cava S. Rocco, il cui accesso al momento è del tutto interdetto, per poi proseguire con tutte le altre.
«Alla fine del lavoro - prosegue il sindaco di Sorano - ci aspettiamo che gli interventi possano rendere di nuovo fruibile il traffico attraverso le Vie Cave».
«Siamo molto felici - conclude infine il sindaco Pier Andrea Vanni - di questo accordo fatto con il comando provinciale dei Vigili del fuoco, un rapporto che si rafforza ancora di più grazie alla nuova apertura del distaccamento volontario dei pompieri situato proprio nel nostro comune e che è stato reso possibile grazie ai contributi dell’Amministrazione di Sorano e ai finanziamenti della Provincia di Grosseto».
Roberta Bogi Pagnini

Nessun commento: